L’ortensia è una pianta senza pretese e incredibilmente bella, la preferita di molti giardinieri. Affinché gli arbusti abbiano una bella forma e fioriscano abbondantemente ogni anno, è importante che vengano potati correttamente e in modo tempestivo. Ecco alcuni semplici consigli che possono aiutarti a potare correttamente le ortensie in modo da non commettere errori che danneggiano questa meravigliosa pianta.

Identifica su quali germogli fiorisce l’ortensia

Prima della potatura, determina quali germogli producono fiori: quelli dell’anno precedente o quelli dell’anno in corso.

Questo può essere determinato dal momento in cui le piante hanno dato la fioritura. Le ortensie che producono fiori sui germogli dell’anno precedente inizieranno a fiorire all’inizio dell’estate e rimarranno piacevolmente colorate fino a metà luglio. Dopo il periodo di fioritura, la pianta inizierà a formare nuovi boccioli, che produrranno fiori l’anno successivo.

Le ortensie che fioriscono sui germogli dell’anno in corso tendono a produrre fiori più tardi nel corso dell’anno, intorno alla metà dell’estate.

Potatura delle ortensie in fiore sui germogli dell’anno precedente

Gli arbusti vanno potati subito dopo il periodo di fioritura, fino alla formazione di nuove gemme. Ciò è necessario principalmente per garantire che i germogli con nuove gemme non vengano tagliati per errore. In secondo luogo, la pianta si riprenderà in tempo per l’inverno e utilizzerà le sue risorse per produrre nuove gemme, non per tenere lontani i germogli vecchi e indesiderati. Taglia i fiori appassiti appena sotto la testa. Inoltre, assicurati di rimuovere tutti i rami malati e appassiti dal livello del suolo.

Potatura ortensie in fiore sui germogli dell’anno in corso

La potatura delle ortensie che fioriscono sui germogli dell’anno in corso differisce in modo significativo dall’opzione precedente. La potatura va effettuata all’inizio della primavera, lasciando solo un paio di gemme. Con l’arrivo del caldo, i boccioli rimanenti produrranno nuovi germogli, forti e vigorosi, su cui sbocceranno nuovi fiori di ortensia.

Dopo il periodo di fioritura, si consiglia di rimuovere i germogli secchi e malati, nonché le infiorescenze che hanno già dato in fioritura.