I pomodori sono tra le colture più amate dai giardinieri. Si seminano entro e non oltre il 1° febbraio, ma ovviamente a seconda della regione. Oggi ti mostreremo un metodo di successo per seminare i semi in modo tale da non dover potare i fili che sono germogliati in seguito.

INGREDIENTE:

– casse o vassoi;

– substrato di torba + terriccio universale e perlite;

– 1 ml di fitosporina e 1 ml di zirconio liquido per 1 l di acqua.

COTTURA:

1. Dato che piantiamo semi di pomodoro e altre colture anno dopo anno in vassoi o cassette oblunghe, dovremo prima prepararli. E oltre a lavarli molto bene, abbiamo anche creato dei pennarelli su di essi, indicando che tipo di semi sono stati seminati e in quale data.

2. Dopodiché, prepariamo il terreno: utilizziamo il 30% di torba neutra, il 70% di terriccio universale e circa 500 ml di perlite in una bacinella da 50 l di terreno. Ma se non vuoi lottare con questa procedura di miscelazione, puoi usare un normale substrato per piantine, acquistato in commercio.

3. Successivamente, riempiremo ogni cassa a metà con il terriccio ottenuto e ci metteremo sopra un foglio di carta igienica.

4. Successivamente, prepareremo il liquido che utilizzeremo per l’irrigazione: diluire 1 ml di fitosporina e 1 ml di zirconio liquido in 1 l di acqua.

5. Inumidire la carta igienica con la soluzione ottenuta. A cosa serve? Perché a causa del fatto che la carta è imbevuta di liquido, i semi si attaccano meglio ad essa, crescono in modo uniforme e si ammorbidiscono e germogliano molto rapidamente.

6. Dopodiché, pianta i semi in file e adagia sopra un altro foglio di carta igienica. Inumidisci anche quello.

7. Copri i semi con un altro sottile strato di terra e annaffia anche quello.

8. In 3-4 giorni, germoglieranno e inizieranno a germogliare. Ecco che bel risultato abbiamo ottenuto:

Buon giardinaggio!