La pasta italiana è uno dei piatti più popolari al mondo. Ci deliziano tutto l’anno e sono anche veloci da preparare. Come bonus, è impossibile stancarsi, ce ne sono di tutti i tipi: spaghetti, penne, maccheroni, tagliatelle, fettuccine, ravioli, ecc. Solo che, e molti non oseranno dire il contrario, cucinare “al dente” non è mai un compito facile. Tuttavia, ci vuole solo un po ‘di disattenzione o scarsa tempistica per perdere la cottura e rovinare il pasto. Ci ritroviamo quindi a mangiare pasta tutta morbida, appiccicosa, troppo cotta o non abbastanza. Invece di ripetere gli stessi errori, ti forniremo alcuni saggi consigli per cucinare con successo la tua pasta. Ma prima, ti illumineremo su un piccolo dettaglio intrigante. Perché pensi che gli spaghetti abbiano un buco nel mezzo? Vediamo di cosa si tratta.

Cuocere gli spaghetti

A cosa può servire il buco nel cucchiaio degli spaghetti?

Se non ti sei mai posto la domanda fino ad oggi, solleveremo il velo sulla sua funzionalità. E si scopre che la sua utilità è tutt’altro che trascurabile!

Fino ad ora, molte persone pensavano che questo buco fosse usato solo per drenare l’acqua dalla pasta. Infatti, quando il cucchiaio ha più piccoli fori, aiuta ad evacuare l’acqua di cottura. Ma in realtà, il foro centrale è stato progettato per determinare la quantità di spaghetti in una porzione. Passa gli spaghetti attraverso la buca e avrai l’importo per una persona. Molti portali gastronomici hanno affermato che questo buco nei cucchiai di pasta ci aiuta a stimare la giusta porzione da servire per ogni persona a tavola.

Leggi anche: Mai spezzare gli spaghetti prima di cucinare: ecco perché è un errore

Questo famoso buco è quindi molto più utile di quanto avremmo immaginato.

Piatto di spaghetti

Il trucco da sapere per cucinare con successo la tua pasta

Non ci illuderemo, anche se questo piatto sembra molto facile da preparare, a volte ci vuole un’arte per ottenere una cottura impeccabile. Tuttavia, molte persone si lamentano di non aver cotto abbastanza o di aver cotto troppo la loro pasta. Come trovare un equilibrio e riuscire in questa cucina per gustare deliziosi spaghetti al dente? Ci sono infatti alcune precauzioni da prendere.

  • Quando cucini la pasta, dovresti cercare di accedere a una consistenza ideale. In altre parole, evitare di cuocerle troppo per non ammorbidirle, ma d’altra parte, se non sono sufficientemente cotte, potrebbero risultare sgradevoli in bocca. Difficile, difficile trovare la giusta misura.
  • Se lo cucini a fuoco vivo durante la bollitura, la tua pasta potrebbe essere troppo cotta e potrebbe diventare molliccia una volta nella salsa. Un piccolo consiglio: è necessario rimuovere la pasta tre minuti prima che sia completamente bollita. In questo modo, saranno cotti alla loro giusta misura.

Stai certo che ci sono alcuni indicatori per sapere se la tua pasta è perfettamente cotta o non abbastanza.

Ci sono principalmente due dettagli importanti da considerare:

Metodo 1: Controllare l’anello bianco

Per scoprire se i tuoi spaghetti sono aggiornati, c’è un semplice controllo da fare. Toglietene uno dall’acqua di cottura tagliatelo a metà e osservatelo bene: noterete uno specifico anello bianco nella cavità interna. Questo anello è un indicatore perfetto. Più è spessa, più al dente è la tua pasta. Se il suo colore è simile a quello dell’esterno della tagliatella, la tua pasta è un po ‘più cotta. È ora di mescolarli nella salsa. D’altra parte, se non si nota alcun anello, hai sicuramente superato il tempo di cottura.

Seguendo l’indicazione di questo anello, otterrai la cottura perfetta, come desideravi.

Metodo 2: Prestare sempre attenzione al tempo di cottura!

La maggior parte delle persone segue il proprio istinto e, per abitudine, ha tempismo nella testa. Ma a volte, bastano pochi minuti di disattenzione per perdere la cottura. Tuttavia, ricorda che il tempo è uno dei parametri più essenziali per determinare se la pasta è cotta o meno.

Leggi anche:  Con 5 euro, puoi preparare un delizioso e gustoso aperitivo per Natale: semplice e veloce!

Siate consapevoli che anche un semplice minuto di intervallo può trasformare la pasta perfettamente cotta in un vero caos. Senza contare che il tempo di cottura differisce in base a ciascun tipo di pasta.

  • Lunghi e molto sottili (spaghetti): 6 minuti
  • Lungo e sottile (spaghetti, linguine, bucatini): 8 minuti
  • Corto e denso (maccheroni, rigatoni, fusilli): 12 minuti
  • Piccolo e spesso (farfalles): 8 minuti

E che dire della famosa tradizione di lanciare gli spaghetti sul muro? Ci è sempre stato insegnato che se rimaneva bloccato, implicava che la cucina era perfetta. Mito o realtà? A quanto pare questo è solo un equivoco. Secondo gli specialisti, non importa quanto tempo ci vuole per cucinare, la tua pasta può attaccarsi al muro o alla finestra. Poiché sono ricchi di amido, un sottile strato appiccicoso che li ricopre, la loro consistenza non ha nulla a che fare con l’adesione. Non è quindi un’indicazione di cottura affidabile!

Leggi anche: Il modo giusto per usare la grattugia per verdure che la maggior parte delle persone non conosce