Press ESC to close

Rimuovere il calcare dal rubinetto: i nostri 4 consigli

A seconda della regione, l’acqua potabile è più o meno carica di calcare. È normale trovare spesso macchie antiestetiche nel tuo bagno. Quindi non c’è da meravigliarsi che spesso si formino depositi di calcare nel rubinetto del bagno. Non ne hai mai abbastanza di tutta quella sporcizia che continua ad accumularsi? Hai provato di tutto, ma inutilmente, queste tracce indelicate tornano a perseguitarti di nuovo? Non gettare la spugna così in fretta, abbiamo soluzioni affidabili per far brillare i tuoi rubinetti.

Comesi rimuove il calcare da un rubinetto?

Quasi tutti noi abbiamo la sfortunata abitudine di rimandare la pulizia del bagno. E questo è un errore, perché più aspetti, più sporco si accumula e più è difficile rimuovere le macchie incastrate. In particolare, quegli sgradevoli depositi di calcare e calcare che avvelenano la nostra vita. Tuttavia, a differenza di altri spazi abitativi, il bagno è più esposto a sporco, polvere e germi di ogni tipo. È risaputo che, a causa dell’onnipresenza dell’umidità, i servizi igienici attirano i batteri come una calamita. E vengono messi a dura prova: il lavandino, la vasca da bagno, la doccia o il water sono continuamente invasi da germi, calcare, residui di sapone e muffe. Non c’è un segreto, per mantenere l’igiene al top, è fondamentale stabilire un rituale di pulizia frequente e adattato. Questo è l’unico modo per garantire che il tuo bagno sia pulito e splendente!

  • Alluminio

Una pallina di carta stagnola

Chi avrebbe potuto immaginare anche solo per un secondo che un foglio di alluminio potesse essere utilizzato anche per pulire il bagno? In verità, non è così sorprendente, considerando che è versatile. Sappiamo già che viene utilizzato principalmente per conservare i nostri cibi o per cucinare le nostre deliziose ricette al forno. È anche un vero alleato per sverniciare teglie, pentole e padelle bruciate. Ma il suo posto non si limita alle frontiere della cucina. Tutt’altro. Rimarrai sorpreso da tutti i suoi molteplici usi: facilitare la stiratura, bandire l’elettricità statica dalla lavatrice, lisciare i capelli, semplificare la rimozione di una manicure permanente, far brillare l’argenteria, affilare le forbici… E siamo ancora molto lontani! Oggi vi mostreremo che questa foglia d’argento è anche in grado di  pulire il rubinetto da calcare e depositi di calcare senza il rischio di graffiarlo.

Come fare?

  1. Prendi un foglio di alluminio.
  2. Tagliate in un pezzo lungo circa 10 cm.
  3. Arrotolatela in una palla.
  4. Bagnatelo leggermente con acqua.
  5. Strofina le aree macchiate.

E questo è tutto! Usandolo sul rubinetto, ma anche su altre superfici del tuo bagno, eliminerai definitivamente le macchie di calcare e la lucentezza sarà radiosa.

  • Aceto bianco e succo di limone

Se esaurisci il foglio di alluminio in magazzino o non vuoi sprecarlo, il seguente metodo è infallibile. Molti non lo sanno, ma si scopre che il limone è una vera e propria arma anticalcare, soprattutto grazie alla sua acidità che scioglie questi depositi in pochissimo tempo. Ecco 2 consigli.

Suggerimento 1:

Come fare?

  1. Prendete un limone e tagliatelo a metà.
  2. Prendi una metà e strofina tutte le aree sporche per sbiancarle e lucidarle. Non lesinare sul lavandino e sul lavandino.

FYI

Il limone è ottimo anche per rimuovere le macchie biancastre che si attaccano a vasi e bicchieri di cristallo. Per una migliore efficienza, non esitare ad aggiungere una buona manciata di sale al contenitore. Strofina di nuovo con il limone e rimarrai deliziato dal risultato.

Da parte sua, l’aceto bianco è anche rinomato per le sue proprietà anticalcare e anticalcare. Basta applicarlo su un batuffolo di cotone pulito o un panno per rimuovere con cura eventuali macchie ostinate. I vostri servizi igienici riacquisteranno rapidamente una lucentezza sorprendente!

Suggerimento 2:

Ma se stai cercando un rimedio ecologico ancora più perspicace per sbiancare i tuoi elementi, ti suggeriamo di unire questi due prodotti, limone e aceto.

Come fare?

  1. Per dissipare il calcare che si accumula sulla parete della doccia, prepara questo detergente casalingo (da conservare preziosamente!): 1/2 litro di aceto bianco, 1/2 litro di acqua calda e il succo di un limone.
  2. Spruzzare questa miscela sulle aree squamose e lasciare riposare la soluzione per circa 5 minuti.
  3. Quindi strofinare questa superficie con un panno o una spugna.
  • Bicarbonato

Un cucchiaio di bicarbonato di sodio

Impossibile parlare di aceto e limone, senza menzionare un altro agente sbiancante e smacchiatore, utile contro i depositi di calcificazione. Questo è, ovviamente, il bicarbonato di sodio. Il piccolo tesoro delle nostre nonne è tornato in auge negli ultimi anni e si può trovare in quasi tutte le case. E per una buona ragione, quando si tratta di pulizia, è un vero campione nella sua categoria! E, allo stesso modo dell’aceto, questa polvere bianca ha abbastanza potere per ammorbidire  le macchie di calcare e renderle più facili da rimuovere.

Come fare?

  1. Mescola 3 o 4 cucchiai di bicarbonato di sodio con 1 cucchiaio di acqua.
  2. Una volta ottenuto l’impasto, stendetelo sulle superfici intervenute e lasciatelo asciugare per qualche minuto.
  3. Quindi, strofinare energicamente con una vecchia spazzola.
  4. Risciacquare abbondantemente.