Certo, il microonde ha fatto un posto di scelta nelle nostre cucine, ma spesso è confinato a questo ruolo molto limitato: scongelare o riscaldare i cibi in tempi record. È molto comodo… Ma può fare molto di più! E questo senza alcun rischio per la salute, e anche con benefici reali.

Alla fine del 1930, i ricercatori inventarono il magnetron, un dispositivo che produceva onde ultracorte per i radar aerei. Qualche anno dopo, mentre lavora vicino a un magnetron, un ingegnere scioglie una tavoletta di cioccolato in tasca. Bingo: e se usassimo queste onde per cucinare il cibo? Depositò un brevetto nel 1946 e l’anno successivo nacque Radarange, il primo forno a microonde, un colosso da 1 m e 80 m. Le microonde che equipaggiano il 92%* delle case oggi sono fortunatamente più discrete, ma sono comunque dotate di questo famoso magnetron che emetterà un campo magnetico ad altissima frequenza (2.450 MHz). Le onde si rifletteranno sulle pareti metalliche prima di essere assorbite dal cibo, da cui agiteranno le molecole d’acqua. Sfregandosi l’uno contro l’altro, creano calore, … e il cibo si riscalda!

Come cucinare il cibo nel microonde?

Primo: dosare bene la potenza. “Per carne e pesce, da 400 a 600 W sono sufficienti. D’altra parte, una pianta viene cotta alla massima potenza (superiore a 800 W). Questo accorcia il tempo di cottura e quindi preserva al meglio i nutrienti. Anche gli alimenti contenenti amido come pasta o patate richiedono la massima potenza”, spiega Philippe Pouillard. Rispettando queste poche regole, tutti gli alimenti possono essere cotti al microonde, “con la possibile eccezione di carne bovina e suina che, a causa della loro grande eterogeneità nella distribuzione di grassi e umidità, non danno ottimi risultati nel microonde”. Per una cottura rapida, tagliare il cibo in pezzi di dimensioni omogenee, metterlo nel contenitore coperto e mescolare a metà. “Il modo ideale per preservare i nutrienti, la consistenza e il gusto è la cottura a vapore e il microonde combinati. Non c’è bisogno di investire in un forno a microonde con funzione vapore, i marchi di consumo sono inefficienti, non riuscendo a creare una nebbia di vapore abbastanza densa, afferma il ricercatore. Il modo più semplice è cuocere il cibo in poca acqua e coprirlo con un film estensibile non forato o un coperchio di vetro. Il vapore che fuoriesce dal cibo riprodurrà questo effetto vapore. “

Leggi anche: Cucinare il salmone in lavastoviglie: risparmiare energia elettrica con un grande trucco

La carne di pesce è delicata, cotta rapidamente e non ha bisogno di rimanere a lungo nel forno o nella padella. Nel microonde, la carne può essere preparata molto più facilmente e più velocemente. Alcuni chef usano questo metodo perché lo rende ancora più gustoso.

Impostazioni del microonde

Perché cucinare il pesce nel microonde

Il pesce è un’importante fonte di proteine, vitamina D e acidi grassi omega-3. È per questo motivo che i professionisti della salute raccomandano di mangiarlo almeno una volta alla settimana.

Lungi dal rappresentare un pericolo per la salute, cucinare nel microonde ha, al contrario, virtù. “Rispetto alla cottura a vapore che provoca lisciviazione, o alla cottura ‘all’inglese’ in una grande quantità di acqua bollente, il microonde è il metodo di cottura che meglio conserva le vitamine, in particolare la vitamina C, che è molto fragile al calore e solubile in acqua”, spiega l’esperto. Un’altra risorsa sanitaria: uccide possibili agenti patogeni (batteri e altri). Pur ottenendo un alimento di grande tenerezza e cottura omogenea, a patto di rispettare alcuni accorgimenti.

Se avete filetti di pesce surgelati, conditeli e metteteli nel microonde a media potenza per 6 minuti. Potrete gustare carne tenera e gustosa.

Cottura a microonde

Alimenti a 6 stelle di cottura a microonde

1. L’UOVO

A patto di non metterlo con il suo guscio (carneficina garantita!) o rotto com’è su un piatto (attenzione alle proiezioni del giallo!). Un uovo fritto si ottiene in 30 s a 600 W. Il piccolo trucco: forare leggermente il tuorlo in modo che non esploda. Per un uovo in camicia o di vitello, rompere l’uovo in una ciotola piena di 5 cl di acqua, quindi riscaldare 50 s a 900 W. Una soffice frittata minuto? Sbattere 2 uova in una ciotola imburrata, passare 45 s a 900 W, mescolare con una forchetta e stirare per alcuni secondi.

2. LA MELA

Pelato, tagliato in quarti, cotto per qualche minuto coperto alla massima potenza, poi impreziosito da zucchero di canna o zucchero muscovado e un pizzico di cannella, zenzero o vaniglia – o briciole di speculos per una maggiore indulgenza. Per una composta, aggiungere un po ‘d’acqua e prolungare il tempo di cottura, mescolando regolarmente.

3. PATATE

Il microonde è una vera alternativa alla cottura con acqua o vapore per la patata! Cuocere intero, con o senza pelle, coperto con un po ‘d’acqua, da 4 a 5 minuti a piena potenza. Controllare la cottura con un coltello e regolare il tempo. Per le mele saltate in alto, precuocerle a cubetti con un po’ d’acqua in una casseruola coperta, quindi padella per il lato croccante.

4. FILETTO DI PESCE

Scegli piccoli pezzi (filetto, bistecca, pavimentazione) per cucinare a bassa potenza (400 W max) a partire da 2-3 minuti, controlla e regola. Il filetto viene cotto quando il bianco lascia cadere la perlina sulla sua superficie (questa è albumina). Il risultato: un pesce che non cade a pezzi, tenero e leggero.

5. MEANZANE

Come tutte le verdure ricche di acqua, la melanzana si presta bene al microonde. Cuoce con un piccolo fondo d’acqua, coperto, pochi minuti alla massima potenza, tagliato a cubetti o fette, o tagliato a metà, avendo cura di bucherellare la pelle e condire (sale, pepe, basilico, aglio, cumino).

6. PETTO DI POLLO

Poiché la sua composizione in acqua e grasso è ben omogenea, il petto di pollo esce molto tenero dal microonde, a condizione che sia cotto a media potenza (400 W). Livello temporale, non esitiamo ad andare a poco a poco. Per più sapore, è accompagnato da un tocco di curry, un letto di cipolla, prugne o verdure (zucchine, pomodorini, ecc.) che rilasceranno oltre al gusto, un po ‘d’acqua.

Suggerimento per la pulizia del forno a microonde

Per pulire e liberare il microonde dai cattivi odori, scaldare per dieci minuti una ciotola d’acqua con succo di limone o aceto bianco. Lasciare in posa qualche minuto e poi pulire le pareti con una salvietta in microfibra. Per disinfettare una spugna, inumidirla e cuocerla nel microonde per alcuni secondi a piena potenza.

Leggi anche: Perché non dovresti mai lavare un tacchino crudo prima di cucinarlo?

Onde innocue e nessun sottoprodotto tossico

Le onde? Solo la parola suscita paure… Erroneamente, almeno quando si tratta del microonde. “Molti studi scientifici indipendenti dimostrano che le onde a microonde non sono più un argomento controverso”, afferma il dottor Philippe Pouillart. Non hanno nulla a che fare con le onde dei nostri telefoni cellulari e non c’è traccia di loro né nel cibo né nel forno dopo l’uso. Non c’è nemmeno il rischio di essere “irradiati” rimanendo vicino al microonde, soprattutto perché gli standard sono molto severi. “Per quanto riguarda questa idea (ricevuta) che la cottura nel microonde porterebbe alla comparsa di molecole tossiche, non è così. Come ogni metodo di cottura, il microonde cambia la struttura del cibo per renderlo più digeribile – questo è l’obiettivo. “Ma il vantaggio del microonde è che non genera prodotti neoformati come i prodotti Maillard”, ricorda lo specialista.

Siamo più sospettosi del contenitore

“La tossicità, se presente, deriverà dall’uso improprio dei contenitori”, afferma Philippe Pouillart. A temperature elevate, alcune sostanze presenti negli imballaggi, in particolare la plastica, possono migrare verso il cibo. “Se usiamo film estensibile o un contenitore di plastica, controlliamo che abbia il numero 2, 4 o 5 circondato da un triangolo, continua l’esperto. Ma è meglio usare un contenitore di vetro o ceramica smaltata. “E per precauzione, possiamo solo consigliarti di evitare tutta la plastica … In un parere del 2015, ANSES ha anche invitato i consumatori a seguire le raccomandazioni (potenza di cottura e durata) indicate sulla confezione dei prodotti da riscaldare nel microonde.

Leggi anche: Dovresti versare l’olio su una padella calda o fredda? Un dettaglio che fa la differenza