Press ESC to close

Ogni quanto va ventilata la casa per evitare umidità e muffe? poche persone lo sanno

La muffa è un problema comune che affligge molte case, in particolare le case poco ventilate con elevata umidità. Ventilazione insufficiente, infiltrazioni d’acqua e un ambiente troppo umido portano appunto alla formazione di queste muffe dannose per la salute. Fortunatamente, ci sono modi efficaci per prevenire e curare questo inconveniente. Segui i nostri consigli!

Muffa sulle pareti

logo pinterest

Muffa sui muri – Fonte: spm

Come evitare la muffa in casa?

Dovresti sapere che le spore della muffa compaiono e si sviluppano in ambienti caldi e umidi. Pertanto, una buona ventilazione regolare aiuta a mantenere un livello di umidità accettabile in casa e allo stesso tempo previene la formazione di muffe. Ecco perché è molto importante ventilare i tuoi interni, sostituendo l’aria calda e umida con aria fresca e secca. In questo modo si previene lo sviluppo di muffe su pareti, soffitti e altre superfici.

Aiuta anche a prevenire la condensa, che è un importante contributo alla crescita della muffa. Si forma quando l’aria calda e umida si raffredda su determinate superfici come finestre o tubi. La ventilazione quindi aiuta a mantenere una temperatura costante all’interno della casa, prevenendo la formazione di condensa e, allo stesso modo, fastidiose e antiestetiche macchie scure su pareti e soffitti. Capirai: mantenere una buona ventilazione è quindi un passo importante per prevenire la muffa in casa.

Come limitare l’umidità in una casa?

L’umidità è uno dei problemi che minaccia costantemente la tua casa . Colpisce sia l’esterno che l’interno delle pareti. Ma, state tranquilli, ci sono molti modi per prevenire o combattere l’accumulo di umidità.

Eccone alcuni:

  • Asciuga i vestiti bagnati all’esterno

Anche in inverno cercate di non asciugare la biancheria bagnata all’interno della casa. Le tue stanze rischiano di concentrare l’umidità e di far comparire muffe e cattivi odori. È quindi sempre preferibile che i vestiti vengano asciugati all’aperto.

  • Scegli i materiali giusti per dipingere le tue pareti

Dovresti privilegiare vernici ritardanti di vapore, o anche vernici antimicotiche e antiumidità, la cui composizione le rende idrorepellenti. Facendo affidamento su questi componenti speciali, questo eviterà la formazione di macchie umide sulle pareti.

  • Cambia periodicamente i tappetini

Lo dimentichiamo troppo spesso, ma il tappeto è un vero assorbitore di umidità. Anche se li pulisci regolarmente, i tuoi tappeti tendono ad accumulare molta polvere e sporco. Oltre alla colonia di acari che vi si sviluppano e che provocano allergie, assorbono anche l’umidità dall’ambiente. Se vuoi evitare infezioni e rimanere in salute, sarebbe meglio cambiarli di tanto in tanto.

Cosa causa l’umidità in una casa?

Come spiegato in precedenza, un elevato livello di umidità deriva principalmente dalla condensa che si verifica quando lo spazio interno è a una temperatura più elevata rispetto a quella esterna. Di conseguenza, per mancanza di ventilazione, l’aria sovraccarica di vapore acqueo, a contatto con il freddo, condensa sulle superfici producendo umidità.

Tuttavia, la condensa non è l’unica causa dell’eccesso di umidità. Altri fattori entrano in gioco: scarso impianto idraulico, perdite d’acqua, risalita capillare, problemi di tenuta, mancanza di igiene in casa, ventilazione insufficiente… È importante trattare il problema, perché un alto tasso di umidità provoca spesso allergie e particolare asma nei bambini.

finestra di casa aperta

logo pinterest

Finestra di casa aperta – Fonte: spm

Come ventilare correttamente una casa umida?

Ecco alcuni suggerimenti per ventilare efficacemente la tua casa e prevenire la muffa.

– Aprire regolarmente le finestre : la frequenza di questa apertura dipende da diversi fattori, come le dimensioni della stanza, la quantità di umidità presente e le condizioni atmosferiche esterne. L’ideale sarebbe aprire le finestre almeno una volta al giorno per qualche minuto, la mattina presto e la sera piuttosto tardi, in modo da far circolare aria fresca e mantenere un adeguato livello di umidità. E anche d’inverno. Quando fuori fa bel tempo, se il tempo è soleggiato e secco, apri le finestre più a lungo. Questo aiuterà a prevenire la muffa.

– Un deumidificatore : se la tua casa è particolarmente umida, puoi prendere in considerazione l’utilizzo di un deumidificatore. È una soluzione molto comune per purificare l’aria ambiente e dissipare l’umidità in eccesso, prevenendo così la formazione di muffe.

– Una cappa aspirante : questo elettrodomestico è consigliato anche negli ambienti più umidi della casa, come il bagno e la cucina. Permetterà di evacuare l’aria calda e umida, per sostituirla con aria fresca. Questo estrattore d’aria è molto efficace, economico ed è disponibile su varie piattaforme di vendita online.

– Non coprire le griglie di ventilazione : queste griglie sono appositamente progettate per far circolare l’aria in casa. Non porteranno a termine correttamente la loro missione se sono coperti.

In generale, per prevenire la muffa, è quindi fondamentale garantire una buona ventilazione all’interno della casa, utilizzare pitture antimuffa sulle pareti, mantenere biancheria e vestiti sempre asciutti e pulire costantemente le zone più umide, come le bagno.

Il VMC rimuove l’umidità?

La ventilazione meccanica controllata (VMC) sarà sempre l’opzione migliore per fornire una ventilazione continua, dove il deumidificatore rimuove solo l’umidità. È anche la soluzione migliore per preservare la salute dei membri della famiglia: questa ventilazione non solo neutralizza l’umidità dell’aria, ma combatte anche l’inquinamento e le tossine che respiriamo. È quindi un ottimo modo per purificare l’aria ambiente all’interno della casa.

Come realizzare un deumidificatore fatto in casa?