Press ESC to close

Consiglio pratico per ravvivare un’orchidea secca i cui fiori sono appassiti

L’orchidea è una pianta tropicale che ama il caldo e l’umidità. Ha quindi bisogno di essere annaffiato regolarmente, soprattutto durante la sua fase di crescita. Quando manca l’acqua, l’orchidea si secca, i suoi petali cadono e le sue radici assumono un colore grigio. Se hai dimenticato di annaffiare la tua orchidea, al punto che diventa secca, niente panico! puoi sempre salvarla. Scopri come ravvivare un’orchidea secca e appassita.

L’orchidea è una pianta fiorifera che può benissimo  essere coltivata in casa , a patto di fornirle le condizioni necessarie per il suo corretto sviluppo. In caso di cattiva manutenzione, la tua pianta potrebbe seccarsi e morire. Tuttavia, puoi salvarlo per farlo fiorire di nuovo.

orchidea appassita

logo pinterest

Orchidea appassita – Fonte: spm

Come ravvivare un’orchidea secca?

Ecco i passaggi per salvare la tua orchidea appassita:

  • Taglia il gambo

Quando l’orchidea è disidratata, i suoi fiori cadono e i suoi steli si seccano. Lo stelo floreale è uno stelo rigido su cui si sviluppano i fiori.  Può anche trasportare fino a 20 fiori.

Il primo aiuto che puoi dare alla tua pianta è  rimuovere i suoi fiori appassiti e lasciarla riposare.  Per stimolare la fioritura di un’orchidea essiccata, è necessario potarla. Per fare questo, conta 2 gemme dalla base della tua pianta e taglia il gambo essiccato a 1 cm dal 3° germoglio  .

  • Prenditi cura delle radici

Se le radici della tua orchidea sono bianche o nere, rimuovile con delle cesoie per non contaminare il resto delle radici. Ricorda anche di rimuovere le radici morte. Premi con le dita sulle radici,  se alcune sono molli, significa che sono morte e quindi vanno potate. Tieni solo le radici aeree che sono sempre utili.

  • Rinvaso

rinvasare un'orchidea

logo pinterest

Rinvasare un’orchidea – Fonte: spm

Dopo aver liberato la tua pianta da radici, steli e petali disidratati, devi rinvasarla per cambiare il substrato. In effetti,  chi dice che un nuovo substrato dice un nuovo apporto di nutrienti essenziali per aiutare la tua pianta a fiorire di nuovo.

Per rinvasare la tua orchidea, non utilizzare un substrato standard. La tua orchidea ha bisogno di un substrato ricco, tra l’altro, di palline di argilla, sfagno, fibre di cocco e carbone e corteccia di pino. Valuta anche di scegliere un vaso di plastica trasparente per controllare costantemente lo stato delle radici dell’orchidea. Il rinvaso può essere effettuato ogni 2 o 3 anni.

Quindi, dovrai fornire alla tua orchidea le condizioni necessarie per il suo corretto sviluppo.

  • Esposizione

Posiziona il tuo vaso in un luogo luminoso, ma senza che la tua pianta sia esposta alla luce diretta del sole che potrebbe seccarne il fogliame.

  • Temperatura

Mantieni la tua pentola ad una temperatura tra i 18°C ​​e i 25°C. Inoltre, tieni la pentola lontana dalle correnti d’aria. Sebbene l’orchidea ami il calore, non ama l’umidità, quindi tieni la tua pianta lontana dai termosifoni o da qualsiasi impianto di riscaldamento. Infatti,  il radiatore asciuga l’aria circostante e quindi la tua orchidea avrà bisogno di più acqua in questo caso.

  • irrigazione

orchidea acquatica

logo pinterest

Innaffia l’orchidea – Fonte: spm

Mentre le radici della tua orchidea possono seccarsi e morire a causa della disidratazione,  troppa acqua può farle marcire .

Per innaffiare la tua pianta , rimuovi il vaso e immergi la pianta in una bacinella d’acqua per 10 minuti. Quindi rimuovere la pentola dalla bacinella, lasciarla scolare e rimettere il coperchio della pentola. Questa tecnica ti permetterà di idratare le radici, ma anche la zolla. Utilizzare acqua a temperatura ambiente per l’irrigazione,  poiché l’acqua calda o molto fredda potrebbe danneggiare le radici dell’orchidea. Si può utilizzare anche nell’acqua di irrigazione, un concime liquido una volta al mese ma senza eccessi. Durante i periodi caldi, puoi spruzzare il fogliame della tua orchidea, ma assicurati che la tua pianta si asciughi bene dopo. Questo perché  l’acqua può accumularsi nella tua pianta e farla marcire.

  • Malattie dell’orchidea

Quando le condizioni di crescita delle orchidee non sono adatte, la tua pianta può sviluppare alcune malattie. Possiamo quindi notare un marciume grigio che si forma sui suoi fiori, o macchie nere che ricoprono la pianta. In questo caso  è necessario asportare le parti danneggiate della pianta, per evitare il rischio di contaminazione.

Rispettando queste condizioni, la tua orchidea essiccata sarà in grado di sviluppare nuovi steli, con boccioli di fiori all’estremità,  che poi ti regaleranno bellissimi fiori.