Press ESC to close

Con che frequenza sostituire materasso, cuscini e piumone?

Durante la notte facciamo molti movimenti e sudiamo. Materasso, sommier, piumone e cuscini si consumano nel tempo e per questo si consiglia di cambiarli. Ma la loro aspettativa di vita varia da caso a caso. Panoramica di quanto spesso sostituire la biancheria da letto nella nostra camera da letto.

La biancheria da letto può diventare un terreno fertile per i germi con l’usura. Pelle morta, sebo, sudore… Il letto può essere infestato da acari della polvere  e batteri che nel tempo possono provocare allergie. Dormire in un letto pulito e biancheria impeccabile rimane necessario per preservare la propria salute e riposare serenamente.

La frequenza con cui la biancheria da letto dovrebbe essere cambiata.

logo pinterest

La frequenza con cui la biancheria da letto dovrebbe essere cambiata. Fonte: maliterie

– Quando dovresti sostituire la tua biancheria da letto?

Durante il sonno trascorriamo in media otto ore a letto. Con il sudore e le cellule morte, gli acari della polvere colonizzano il nostro materasso e le nostre molle. Ad occhio nudo, queste creature a otto zampe rimangono invisibili, ma la loro presenza può causare allergie come raffreddore da fieno, eczema, asma o addirittura tosse. Per questo motivo è fondamentale cambiare il materasso una volta scaduta la sua vita utile. Devi sapere che anche un materasso di qualità ha una durata di 10 anni  e va sostituito contestualmente alla rete. Questi dovrebbero essere cambiati se:

  • Cominciamo a sentire le molle della rete
  • Sentiamo un vuoto quando ci sdraiamo sul materasso
  • Sentiamo dolori e dolori al mattino al risveglio
  • Il materasso non riacquista più la sua forma originale
  • Non senti più lo stesso comfort del primo giorno
  • Il materasso presenta segni di usura
  • Le molle perdono tono e fermezza

È possibile prolungare la vita del materasso?

L’acquisizione di un letto non è per la vita. Inoltre,  i produttori di biancheria da letto indicano una data di garanzia  poiché conoscono la durata del loro prodotto. La biancheria da letto deve essere in buone condizioni per garantire la qualità del nostro sonno. Tuttavia, può succedere che tu non abbia il budget per sostituirlo. Per questo è sempre necessario assicurarsi di avere una buona longevità del proprio materasso, predisponendo una vera e propria manutenzione.

  • Ventilare la stanza

Aprire la finestra della camera da letto almeno 15 minuti al giorno per rinnovare l’aria all’interno è fondamentale per la salute della biancheria da letto e per la pulizia della casa allo stesso tempo. Inoltre, libera il letto da lenzuola e cuscini e lascialo arieggiare prima di rifarlo.

  • Spolvera il materasso e la rete

Usando un aspirapolvere, spolvera il materasso. Passando l’aspirapolvere, ti sbarazzi degli acari della polvere, che sono una fonte allergenica.

  • Capovolgi il materasso

Si consiglia di girare il materasso almeno una volta ogni 3 mesi per evitare che nel tempo si svuoti. Anche invertire le estremità della testa e dei piedi di tanto in tanto può essere una buona alternativa.

Indipendentemente dalla longevità del tuo materasso, è importante individuare i segni esteriori di usura che rilevano la fine del suo utilizzo. Così come è importante ascoltare il proprio corpo al risveglio la mattina e prestare attenzione alla qualità del proprio sonno. Se ti svegli con dolori e mal di schiena, significa che il tuo materasso non favorisce il rilassamento muscolare. Inoltre, il materasso di un bambino non dovrebbe essere trascurato. Man mano che cresce comincia ad avere i piedi che vanno oltre il letto, quindi è consigliabile acquistarne un altro più adatto alla sua morfologia.

Il cuscino ha anche una durata limitata.

logo pinterest

Il cuscino ha anche una durata limitata. Fonte: passionesalute

– Quanto spesso dovresti sostituire il tuo cuscino?

Il cuscino non è eterno. Come la biancheria da letto,  il cuscino deve essere sostituito dopo una durata massima di tre anni . Per una questione di perdita di efficienza ma anche per una questione di igiene, deve essere sostituito per proteggere dagli allergeni.

Come prendersi cura del proprio cuscino?

Per assicurarti che il tuo cuscino mantenga il giusto livello di igiene, sceglilo con un trattamento antiacaro. Con questo tipo di cuscino limiterai i problemi respiratori e gli attacchi di asma. Anche se le federe sono una barriera contro germi e batteri, è consigliabile lavare il cuscino ogni 3 mesi ad alta temperatura, assicurandosi di leggere le istruzioni di lavaggio. In caso di dubbio, porta il cuscino da un addetto alle pulizie professionale. Un’altra soluzione è utilizzare  una federa protettiva  per il cuscino per evitare che si sporchi con creme o oli di bellezza applicati sul viso durante la notte. Pertanto, è possibile prendersi cura di se stessi mentre ci si prende cura del proprio cuscino.

– Quando cambiare il piumino?

Perché duri più a lungo, il piumino deve essere di buona qualità. È importante sceglierlo con una fodera in cotone che lo renderà più leggero. Di grande importanza anche la cucitura del piumino. In quadretti o rombi partizionati, la trapuntatura evita che l’imbottitura, in particolare piuma o piumino, si muova  nell’involucro e mantenga uniforme il piumino. Il piumone va pulito ogni sei mesi ad alta temperatura o una volta all’anno e va steso regolarmente al sole e all’aria aperta per 15 minuti. Inoltre, cambiando la biancheria da letto una volta alla settimana, assicuri una buona igiene al piumone. Prendendotene cura, permetti al tuo piumino di durare fino a 15 anni prima di sostituirlo. E per una buona ragione, non sostiene il peso come il materasso e i cuscini.

– E le lenzuola?

Con che frequenza devono essere lavate le lenzuola

logo pinterest

Ogni quanto vanno lavate le lenzuola? Fonte: carreblanc

Il set di biancheria da letto può durare a lungo se è di buona qualità, tuttavia, dovrebbe essere curato. A causa della sudorazione e della presenza di possibili acari,  dovrebbe essere pulito alla massima temperatura . Secondo Philip Tierno, microbiologo e ricercatore della New York University, “dormiamo in un vero e proprio giardino botanico di batteri e funghi. Pertanto, non bisogna aspettare troppo a lungo con il rischio di provocare una vera e propria proliferazione di acari della polvere con tutte le complicazioni che ne conseguono, come problemi respiratori o allergie. Si consiglia quindi di lavare le lenzuola ogni 7 giorni .

Inoltre, il calore è il modo più efficace per allontanare gli agenti patogeni che si annidano nelle lenzuola. Se la tua biancheria da letto non sopporta il calore dell’acqua, lasciala asciugare all’aria alla luce diretta del sole, che è un potente antimicrobico che uccide gli acari della polvere . Un altro consiglio: usa il ferro caldo per disinfettare le lenzuola e uccidere germi e batteri.

Non dimenticare umidificatori e deumidificatori per la camera da letto

Un buon livello di umidità è necessario per garantire un buon riposo notturno. L’umidificatore viene utilizzato in inverno e il deumidificatore in estate. Tuttavia, è importante controllare il filtro del deumidificatore e pulirlo o sostituirlo se necessario. Questo dispositivo può durare fino a 6 anni. Per quanto riguarda gli umidificatori, il pad e il filtro dovrebbero essere sostituiti ogni anno per un funzionamento ottimale.